lunedì 16 aprile 2018

Qualche nuova speranza per il nuovo parco di Cascina Restelli!!

Piccolo passo avanti per la costruzione del nuovo parco di Cascina Restelli. Vi ricordiamo la realizzazione di questo parco è a totale carico della società Pedemontana come opera compensativa per i danni arrecati al nostro territorio e dovuti alla costruzione di questa autostrada. Finalmente, in data 23 Marzo, Pedemontana ha pubblicato sul proprio sito la gara per la realizzazione del cosìddetto pl8 e cioè le opere di compensazione per i comuni di Limido Comasco, Turate e Cirimido. Alla gara sono state invitate le 24 aziende iscritte all'albo dei fornitori di Pedemontana che avranno tempo fino al 15 Maggio per presentare la documentazione necessaria. 
La quota riservata a Limido è di 338.106,37€ che servono per coprire i costi della realizzazione di questo nuovo punto di aggregazione di cui vi riproponiamo qui sotto il progetto...speriamo in bene!!!

domenica 8 aprile 2018

Una bella opportunità (gratuita...) per i giovani!!!

Il gruppo presente al Parlamento Europeo EFDD organizza a Como un corso gratuito in europrogettazione rivolto a tutti i giovani nati dal 1983 in poi. La figura dell'euro progettista è una delle più ricercate in questo momento storico. L'Unione Europea propone infatti decine e decine di bandi ogni anno, con in ballo parecchi milioni di euro, ma spesso aziende private e pubbliche amministrazioni non ci partecipano proprio per la mancanza di figure professionali che sappiano come approcciare a questi bandi. Giusto per dire 2 cifre esemplificative vi possiamo dire che la Commissione Europea ha assegnato all'Italia quasi 43 miliardi: ebbene a Dicembre 2017 il nostro Paese era riuscito a impegnarne solo il 32%!! Questi sono soldi che se richiesti con un progetto valido e ben costruito possono aiutare il nostro Paese a svilupparsi in modo sostenibile. 
Secondo noi un'opportunità da sfruttare per i nostri giovani.
Per ulteriori informazioni cliccate qui

giovedì 29 marzo 2018

Bando europeo per Wi-Fi gratuito nei piccoli comuni: favorevoli o contrari?

Sono state ufficializzate le modalità di partecipazione al bando europeo che finanzia Wi-Fi gratuito negli spazi pubblici dei piccoli comuni. Vediamo in breve in cosa consiste questo finanziamento: l'Unione Europea si impegna a corrispondere un finanziamento di 15.000€ a fondo perduto a ogni comune che vorrà dotarsi di un impianto che creerebbe delle zone in cui ci sarebbe connessione Wi-Fi libera e gratuita ( sempre accessibile con registrazione comunque); ai comuni resterebbe l'onere del fornire la connessione internet. Come potete leggere a questo link Limido Comasco è stato inserito tra i comuni che potrebbero richiedere questo finanziamento. Voi cosa ne pensate? Sareste favorevoli nell'invitare l'amministrazione comunale a partecipare a questo bando? 
Votate qui sotto.

domenica 11 marzo 2018

Consiglio comunale del 26 Febbraio 2018





Pubblichiamo con un po' di ritardo il video del consiglio comunale del 26 Febbraio. Anche questa volta qualche battibecco tra maggioranza e opposizione...buona visione.

P.S.: nei primi minuti c'è stato un problema tecnico con la telecamera ma non c'è stato nessun taglio voluto, vi perderete solo qualche secondo della discussione, ci scusiamo ma vi ricordiamo che offriamo questo servizio in modo totalmente gratuito.

Se volete collaborare con noi scrivete a: limido5stelle@gmail.com


mercoledì 28 febbraio 2018

I candidati M5S per Regione Lombardia

Quest'oggi vi vogliamo parlare dei nostri candidati per il Consiglio Regionale della Lombardia. Vi ricordiamo che la scheda per le elezioni regionali sarà quella di colore verde e che sarà l'unica in cui si potranno scrivere delle preferenze. Il Movimento 5 Stelle è stata l'unica forza politica a fare delle votazioni pubbliche per decidere i propri candidati; per primi vi presentiamo i  2 candidati della provincia di Como ad aver raccolto consensi: Maria Colomo e Raffaele Erba. 
Maria Colomo è nata a Torino il 5 Febbraio 1960 ed abita a Mariano Comense. E' attivista dal 2013 e nel Comune di Mariano è membro effettivo della Commissione attività produttive, commercio e sicurezza. Diplomata presso l'istituto tecnico S. Elia di Cantù, lavora dal 1987 in Regione Lombardia come funzionario esperto analisi e valutazione con interesse particolare verso i settori ambiente e banche dati territoriali.
Raffaele Erba è nato a Erba (CO), dove ancora risiede, 38 anni fa. Laureato in scienze ambientali, indirizzo igiene industriale, è dal 2004 titolare di una studio di consulenza in materia di qualità, ambiente e sicurezza che è cresciuto nel tempo e nel quale oggi si avvale del supporto di 5 collaboratori. E' attivista dal 2013 e la sua candidatura dalla volontà di voler connettere maggiormente il territorio alle istituzioni e di poter sviluppare i temi inerenti le piccole e medie imprese, l’ambiente e la mobilità sostenibile.
Vi ricordiamo che si possono esprimere un massimo di 2 preferenze le quali dovranno indicare candidati di sesso differente, per cui scrivendo ERBA e COLOMO la scheda sarebbe perfettamente valida e avremmo dei rappresentanti della nostra provincia in consiglio Regionale. Un esempio qua sotto.




Trovate gli altri candidati nella pagina dedicata alle elezioni regionali.

domenica 25 febbraio 2018

Elezioni del 4 Marzo 2018, abbiate pazienza al seggio....

Manca oramai una sola settimana alle elezioni e cominciano ad arrivare (finalmente...) maggiori indicazioni su quelle che saranno le modalità di voto. Vi ricordiamo per prima cosa che sarà possibile esprimere delle preferenze solo sulla scheda per il rinnovo del consiglio regionale (che sarà di colore verde). Nei prossimo giorni vi presenteremo i candidati del Movimento 5 Stelle per il Consiglio Regionale che hanno ottenuto più voti alle primarie nella provincia di Como. La grossa novità però è nel tagliando di sicurezza: il Sabato, durante la preparazione delle schede, gli addetti ai seggi dovranno appiccicare su ogni scheda una etichetta adesiva con stampato un codice alfanumerico. Alla Domenica, durante le votazioni, per ogni elettore che si recherà alle urne gli scrutatori dovranno annotare il numero del documento di riconoscimento, il codice alfanumerico della scheda per la camera (colore rosa) e quello della scheda del senato (colore giallo). Dopo aver votato l'elettore non dovrà imbucare direttamente la scheda (tranne per quella regionale per cui non esiste il tagliando di sicurezza) ma dovrà consegnarla al presidente del seggio che dovrà provvedere allo strappo della parte in cui è presente il tagliando e solo successivamente potrà inserirla nella rispettiva urna. Insomma, la novità è senz'altro interessante per cercare di eliminare alcuni brogli però allungherà evidentemente le procedure di votazione.
Per cui vi preghiamo di avere pazienza con scrutatori, segretari e presidenti di seggio che sono cittadini come tutti che in quel momento stanno svolgendo un lavoro per la comunità e come sempre vi invitiamo, se possibile, a non andare a votare nelle ore in cui classicamente c'è più affluenza....buon voto a tutti e ai prossimi giorni per la presentazione dei nostri candidati!


giovedì 1 febbraio 2018

I fac simile delle schede con cui voteremo a Limido e dintorni!!

Tra un mese saremo chiamati alle urne con una legge e un sistema elettorale completamente nuovi. Per ora non vogliamo entrare nei tecnicismi della legge, ma semplicemente mostrarvi in anteprima le schede che troverete al seggio. Vi ricordiamo che il 4 Marzo si voterà anche per il rinnovo del consiglio regionale e quindi saranno ben 3 le schede che vi saranno consegnate ai seggi. 2 per gli under 25.





mercoledì 3 gennaio 2018

Sacchetti di frutta e verdura a pagamento dal 1 Gennaio, facciamo chiarezza

Forse qualcuno di voi si sarà accorto (se si è recato in un qualsiasi supermercato) che dal 1 Gennaio 2018 i sacchetti che si usano per prendere frutta e verdura nei reparti self-service dei supermercati sono cambiati e, soprattutto, sono diventati a pagamento. Vediamo perchè: il governo Gentiloni lo ha deciso l'estate scorsa ricevendo, a detta del premier stesso, una direttiva europea. Peccato che la direttiva europea non prevedeva affatto questo tipo di decisione!!! L'Unione Europea si è focalizzata infatti sull'esclusione delle buste in plastica tradizionale per insacchettare la spesa (in Italia sono fuorilegge già dal 2012) e precisava esplicitamente la possibilità di escludere dal provvedimento le buste trasparenti per frutta e verdura. Tant'è che in tutta Europa, oltre all'Italia, solo la Francia si è mossa in questo modo. Ovvio che sorgono dei dubbi... Ma chi ci guadagna di più con questa decisione??? Senz'altro Novamont, colosso piemontese della bioplastica guidata da Catia Bastioli, che nel 2011 partecipò alla Leopolda, che nell'Aprile 2014 è stata nominata da Renzi presidente della partecipata pubblica Terna e nel Novembre scorso la stessa Novamont è stata oggetto di visita da parte di Renzi durante il suo tour in treno durante la quale ha incontrato i vertici a porte chiuse. 
Il giro d'affari di questo provvedimento si aggira intorno a 100.000.000€ l'anno.
Fatto sta che sui consumatori italiani peserà un'ulteriore spesa non necessaria, con l'effetto magari, di vedere una maggiore vendita dei prodotti pre-confezionati che spesso e volentieri non hanno imballaggio in materiale biodegradabile.